Consigli per arredare casa con stile industriale

È arrivato il momento di parlare un po’ di mode. Una delle tendenze più in voga nel mondo dell’interior design è lo stile industriale. Originario degli anni ’50, è partito da New York e a poco a poco ha raggiunto tutte le città del mondo.

La chiave di questo stile è che l’arredamento richiamino l’essenza dell’era industriale: pareti con mattoni a vista, mobili di metallo e acciaio, tetti alti, travi a vista, finestre enormi e molto altro.

Ecco qui di seguito qualche consiglio su come arredare la tua casa con lo stile industriale.

stile industriale

Legno, metallo e mattone: rappresentanti dello stile industriale

Se stai cercando un arredamento industriale, non puoi trascurare questi elementi. Basta sostituire i tavoli e le sedie tradizionali con altre dove il vetro, il legno e il metallo siano i protagonisti. In questo modo, i mobili avranno una personalità pura e industriale, dando armonia al resto della casa.

Il mattone è un altro elemento fondamentale per dare uno stile industrial alla tua casa. Per ottenere una parete con mattoni a vista ci sono diversi modi. Il primo, quello classico, è quello di eliminare l’intonaco dalle pareti o ricostruirla da capo. Fortunatamente però, ci sono metodi più facili e veloci. Esistono piastrelle in gres con la misura e il disegno di un mattone, create apposta per il rivestimento delle pareti. O ancora più semplice, ma forse un po’ meno naturale, puoi applicare una carta da parati con il disegno di una parete a mattone.

stile industriale

Spazi: tetti alti, travi e vetrate

Per far sì che la tua casa abbia veramente uno stile industriale, è indispensabile che appaia grande e spaziosa: soffitti alti con travi a vista, in legno o metallo, sono la chiave per dare quella giusta sensazione di ampiezza caratteristica di una vecchia fabbrica.

Anche in questo caso non preoccuparti se la tua casa disponga di questi elementi. Certo, sull’altezza del soffitto è più difficile lavorare, ma esistono in commercio anche travi da applicare dopo la costruzione della casa che garantiscono un effetto realistico.

Seguendo lo stesso concetto, per ottenere uno spazio più ampio, è d’obbligo che le finestre siano grandi. Disporre di ampie vetrate non solo aumenta la luminosità della casa, ma la rende anche più spaziosa ai nostri occhi. Evita le tende, tolgono tutta l’essenza tipica della fabbrica.

stile industriale

Arredamento: colori, minimalismo e mobili imperfetti

Anche l’uso dei colori ha un ruolo importante nella percezione degli spazi. I più comuni sono il bianco, il nero, il grigio, il marrone, il blu o il beige. La cosa più importante è combinare questi colori in modo da non far apparire la casa troppo scura o troppo chiara. Non temere di utilizzare diversi colori nella stessa stanza, l’importante è che siano abbinati e ben armonizzati tra loro.

Infatti, la perfezione non è propria dello stile industrial, basta il buon gusto! Per tanto, cerca di arredare la casa con uno stile minimalista, con diversi rivestimenti per le pareti e mobili leggermente usurati. L’effetto ossidato ricorda perfettamente l’era industriale.

Molti brand di arredamento producono mobili con questo stile, ma se vuoi ottenere uno stile più artigianale puoi scegliere di andare a qualche mercatino dell’usato nella tua città. C’è sempre qualcosa di interessante!

Segui i nostri consigli e sicuramente potrai trasformare la tua casa con uno stile industriale!

Comprare casa da single o in coppia? Ecco le tendenze

Non sai ancora se è più conveniente comprare casa da single o se è meglio in coppia? Qui di seguito ti spieghiamo quali sono le ultime tendenze e come dare il giusto peso a tutti i pro e contro di questa importante decisione.

La società cambia in continuazione, è in continuo sviluppo e sono sempre di più le persone che decidono di comprare una casa propria. Ciò è dovuto da numerosi fattori, come il calo di matrimoni, dalla “moda dei single” e il ritardarsi dell’età in cui si diventa genitori. Queste situazioni danno la possibilità di risparmiare e, di conseguenza, di poter permettersi di acquistare un immobile da soli.

Al contrario, ci sono persone che preferiscono vivere e comprare casa in coppia. Queste solitamente non si trasferiscono finché non hanno una relazione sentimentale stabile. Sappiamo che la convivenza è una buona maniera per rafforzare e unire una relazione, anche se può diventare un vero e proprio problema.

Ognuno di noi ha una situazione personale diversa e pensiamo in modo differente. Per questo prima di prendere la decisione finale, dovresti riflettere e pensare cos’è più conveniente per il benessere tuo e delle persone che ti stanno attorno. Siamo coscienti del fatto che questa situazione sia complicata e comporti alcuni rischi a paure, per questo ti mostriamo qui di seguito alcune chiavi per aiutarti a fare la scelta giusta, la migliore per te.

Comprare casa in coppia

Prima di acquistare casa con la tua coppia, dovresti essere cosciente di diverse circostanze:

Innanzitutto, firmando la compravendita, dovete tenere in conto che il notaio aggiudicherà il 50% dell’immobile a ogni proprietario. Se viene avvisato del contrario, uno dei due pagherà di più rispetto all’altro. Entrambe le parti saranno responsabili del totale dell’ipoteca, nonostante una delle due parti possegga una quota della casa minore.

Nel caso in cui la coppia si separi, possono decidere un prezzo della casa: uno dei due pagherà all’altro la sua parte e in cambio rimarrà nella casa. Se non si mettono d’accordo, si ricorre a una tassazione o alla vendita della casa. Nel caso in cui nessuno dei due voglia rimanere in possesso della casa, generalmente viene messo in vendita e con il ricavato si cancella l’ipoteca. Una volta pagato il debito, se avanza del denaro verrà ripartito in base alla percentuale che aggiudicò il notaio ad ognuno dei proprietari.

Comprare casa da solo

Comprare una casa da solo può risultare più complicato, ma allo stesso tempo garantisce molti aspetti positivi. Prima di tutto, perché tutte le decisioni riguardanti la casa le prendi tu. Come distribuisci gli spazi o la gestione del consumo di luce, acqua ed elettricità…  tutto dipende da te. Ma soprattutto la scelta dell’arredamento, perché è un’ottima opportunità per poter definire e ribadire la tua personalità, dandoci l’opportunità di riscoprire sé stessi.

Nel caso in cui qualcuno venga a vivere con te, sarà il benvenuto! Ma, per certi versi, dovrà mantenersi alle tue regole e sarà in qualche maniera condizionato dal tuo stile di vita all’interno della casa. L’indipendenza e il fatto di comprare una casa da solo rappresentano un gran traguardo. Ciò significa assumersi molte responsabilità ma implica anche una grande sensazione di libertà che rafforza la propria autostima e autonomia.

Sappiamo che comprare casa è una decisione difficile e quando questa è una questione tra due persone, si può complicare ancor più. Speriamo di averti aiutato a risolvere alcuni dei tuoi dubbi e ti incoraggiamo a fare il grande passo, che sia esso comprare casa da single o in coppia!

Imbiancare casa: scegli i migliori colori per imbiancare casa tua

Stanco dei soliti colori in casa? Stai pensando di imbiancare la tua casa, ma sei ancora indeciso su quali colori usare? Ti capiamo perfettamente, sappiamo che scegliere i colori per imbiancare gli interni di una casa può risultare più complicato di quanto sembri. Per questo motivo abbiamo creato la nostra “guida ai colori per imbiancare casa”, perfetta per dare la giusta ispirazione e scegliere le migliori sfumature.

Nel momento della scelta dei colori, è bene dare la giusta importanza al significato trasmesso da ciascun colore. Ognuno di questi, in base alle sue diverse gradazioni, è in grado di influenzare la nostra mente e il nostro corpo, alterando le nostre sensazioni e persino il nostro umore.

Colori accesi per imbiancare casa

Il verde

Il verde, nei suoi toni più caldi e leggeri come ad esempio il verde menta, è un colore molto rilassante. Stimola la tranquillità ed è per questo si consiglia di utilizzarlo maggiormente nelle camere da letto, in particolare quelle dei bambini. Connotazione di genere

Mentre il verde petrolio, nonostante sia un colore decisamente più scuro e cupo, è fra le tinte più in voga del momento. Data la sua intensità, si può applicare su una sola parete, accompagnandolo con un arredamento di tipo modern-classic, e materiali come vetro e metallo, rendendo la stanza sontuosa e affascinante.

Il blu e l’azzurro, colori per imbiancare e stare tranquilli

L’azzurro e il blu ci ricordano il cielo e il mare cristallino, trasmettendoci una sensazione di pace, calma e serenità. È per questo che vengono spesso usato nei bagni e nelle camere da letto, due luoghi in cui cerchiamo la massima serenità. Bisogna però far attenzione all’intensità del colore che usiamo. Le sfumature di azzurro e blu chiaro ci danno equilibrio e relax, ma una tonalità di blu scuro potrebbe provocare l’effetto contrario. Infatti, sconsigliamo di usare il blu marino nel salotto, perché potrebbe creare una sensazione di tristezza.

Il giallo e l’arancione

Si dice che il giallo come tinta di una stanza faccia piangere i neonati, non possiamo confermare se sia vero o no, ma possiamo sicuramente affermare che si tratti di un colore che stimola la mente. É per questo motivo che spesso viene usato nelle scuole, per mantenere più attive e attente le menti degli studenti. Può essere usato in uno studio, per aiutare a tenere un alto livello di concentrazione. L’arancione non solo stimola la mente, ma velocizza anche il metabolismo e aumenta quindi l’appetito, presentandosi come un colore adatto all’arredo di una cucina.

Il rosso

Il rosso aumenta il livello di energia in qualsiasi stanza e trasmette una forza incredibile nella vita di tutti i giorni, posizionandosi come il colore più intenso di tutta la gamma. Se imbianchiamo di rosso le pareti della nostra casa, potremo creare uno spazio speciale per animare le conversazioni tra famiglia e amici.

Se vi piace particolarmente uno di questi colori, ma avete paura di esagerare usandolo su tutta la stanza, potrete sempre scegliere di imbiancare solo una o due pareti ed abbinare il colore più vivo ad uno neutro, come il bianco.

Colori neutri per imbiancare casa

Bianco

Tendenza o moda passata? Ci sono molti dibattiti su questo colore. Certo è che il bianco dà molta luminosità alla stanza, creando una sensazione di ampiezza. Molti esperti di arredamento consigliano di utilizzarlo in una stanza piccola e con poca luce, perché il bianco la farà apparire ai nostri occhi più grande e luminosa. Se credete che però il bianco sia un colore troppo freddo, basterà abbinarlo a qualche mobile in legno, o ancora meglio ad un parquet.

Crema

Il crema è molto diffuso in quanto rimane un colore neutro ma comunque più caldo del bianco puro.
Viene spesso usato quando si vuole vendere casa, perché rende l’ambiente spazioso e pulito, ma più accogliente e caloroso, soprattutto se si tratta di una casa non arredata, senza renderla inospitale.

Grigio

Se il bianco ti sembra troppo minimal e pensi che il crema sia un colore già troppo visto, una buona alternativa è il grigio chiaro. Questa tonalità, come il bianco, crea una sensazione di ampiezza e luminosità in tutte le stanze. E se poi l’ambiente vi sembra un po’ spento, potete giocare con i colori dell’arredamento e rendere lo spazio vivo con diversi elementi decorativi. Dall’altro lato, il grigio scuro rende la casa più sofisticata ed elegante.

Scegli il tuo colore per imbiancare

Ora che ti abbiamo spiegato le caratteristiche di ogni colore, solo devi scegliere le tonalità che più si adattano alle tue necessità e a quelle di chi condividerà con te la casa, ai vostri stati d’animo e all’ambiente che vorrete creare.

Il nostro ultimo consiglio è quello di scegliere un colore che faccia sentire bene e a proprio agio, non solo con la propria casa ma anche con sé stessi.

Come una proptech definisce il miglior prezzo di una casa

Oggigiorno il mercato immobiliare si schiera su due fronti: da una parte si trovano le agenzie tradizionali, che lavorano offline, e dall’altra troviamo le proptech: nuove agenzie digitali che stanno rivoluzionando il settore, offrendo la possibilità di definire il prezzo reale di una casa.

Innovazione

Quando parliamo di “nuove agenzie” non ci riferiamo agli ormai classici portali su cui vengono pubblicati gli annunci, ma a vere e proprie agenzie che lavorano online in cui il processo è seguito da intermediari professionali. Ma qual è il loro punto forte?

Molto semplicemente le agenzie digitali da un lato si occupano di ottimizzare, velocizzare e rendere più economico il processo di compravendita, e dall’altro raggiungono un alto livello di trasparenza, utilizzando le nuove tecnologie e sanificando il danno generato nel settore degli immobili durante gli ultimi decenni.

Il problema delle agenzie immobiliari tradizionali

Una delle maggiori problematiche del modello tradizionale è l’inflazione dei prezzi. Queste agenzie, lavorando con provvigioni, hanno interesse a vendere la casa ad un prezzo più alto rispetto a quello di mercato. Più la vendita è alta, maggiore sarà l’ingresso di denaro. Dato che fino ad ora tutte le agenzie hanno lavorato in questa maniera, i prezzi sono saliti alle stelle, soprattutto nei periodi di boom economico.

Ebbene, le agenzie immobiliari digitali hanno ideato una maniera per determinare il giusto valore di un immobile, attraverso l’uso dei Big Data. Un metodo che contribuisce a mantenere il mercato sano e stabile è quello del triplo controllo.

L’utilizzo dei Big Data per definire il prezzo di una casa

Nel primo controllo si utilizzano i Big Data, che indicano in un raggio di 500 metri da dove si trova l’immobile, quali solo le proprietà in vendita, a che prezzo e da quanti giorni lo sono. In funzione di quest’ultimo fattore, un algoritmo determina qual è il coefficiente di liquidità della zona.

Questi Big Data contengono: informazioni del catasto, formato dai dati di tutti gli immobili di Italia e le informazioni delle transazioni durante gli ultimi decenni, le informazioni di tutte le case in vendita in tutti i portali immobiliari e le informazioni di vendita interna.

Professionisti del settore

Durante il secondo controllo, tutte le informazioni ottenute dai Big Data vengono confrontate e analizzate da periti esperti del settore. Con i dati ottenuti, sommati all’esperienza dei nostri professionisti, la piattaforma mostra l’offerta iniziale di vendita della casa.

Infine, si realizza un terzo ed ultimo controllo. Una volta che l’immobile è in vendita, si usano le informazioni di tutti gli acquirenti di una zona e si quantifica il coefficiente d’interesse della casa. In funzione di questo dato – determinato da visualizzazioni, tasso di conversione, opinioni ricevute, ecc. – si determina la probabilità di vendita della casa che può andare dal 100% allo 0% in base alla qualità. Se questo valore è più basso del 50% significa che la casa non è al prezzo di mercato.

Un metodo vincente

Grazie a questa metodologia, le agenzie digitali non solo determinano il prezzo giusto per evitare l’inflazione del prezzo delle case in vendita, ma determinano anche il prezzo ideale perché l’immobile venga venduto in meno di 60 giorni, potendo così superare i registri delle agenzie immobiliari tradizionali.

vendere casa online