Aumento imposte sulla casa: legge di bilancio 2020

legge bilancio 2020

La nuova legge di bilancio per il 2020 porta con sé importanti novità fiscali che toccano il settore immobiliare. Vediamo insieme di cosa si tratta, e quali aspetti andranno a subire incrementi.

L’imposta ipotecaria e l’imposta catastale sono due tipologie di tasse che si pagano con l’acquisto della casa, più in generale quando si applicano ai trasferimenti di immobili, successioni e donazioni. Tali imposte fanno parte delle tasse da pagare con l’acquisto della casa, insieme alla famosa imposta di registro e sono quelle più colpite dalla nuova legge di bilancio.

Le novità sulle tasse per la casa del 2020

Nel documento appena varata dal governo per la legge di bilancio del 2020 si legge:

“Innalzamento delle imposte ipotecaria e catastale sui trasferimenti immobiliari soggetti all’imposta di registro (Prima casa, altri immobili) da 50 euro a 150 euro ciascuna.”

Un amento quindi che riguarda le imposte ipotecaria e catastale prima e seconda casa che passa da 50 a 150 euro per ciascuna delle due. Mentre per le vendite di immobili soggette ad IVA le imposta si abbassano da 200 a 150 euro.

Novità anche per IMU e TASI che secondo alcune anticipazioni ancora non ufficiali dovrebbe portare all’introduzione di una nuova tassa che unificherebbe le due precedenti.

Pare inoltre, che le agevolazioni fiscali su alcune tipologie di bonus si baseranno in modo progressivo sul reddito del richiedente e saranno riconosciute solo se pagate con bonifico bancario, carta di credito o bancomat. Una maniera per prevenire l’evasione fiscali e tracciare in maniera trasparente tutte le spese.

Un possibile aumento della cedolare secca che passerebbe dal 10 al 12,5%. Ma per aver conferma di tutti questi aumenti relativi al mercato degli immobili sarà necessario aspettare il testo ufficiale del Disegno di Legge di Bilancio del 2020. L’aumento delle imposte sulla casa si inserisce un sistema di recupero di denaro attuato dal governo per cercare di coprire deficit e “buchi fiscali” del bilancio.

Come risparmiare sulla compravendita della casa?

Comprare una casa significa tirare fuori una buona fonte di capitale, non solo per il valore dell’immobile ma anche e soprattutto per pagare le imposte allo Stato.

Ma sai qual’è la spesa più rilevante? La percentuale di commissione che si paga all’agenzia immobiliare. Per questo, in un momento di forti rincari le persone cercano di risparmiare tagliando alcune spese meno necessarie. Purtroppo, tagliare via gli agenti di intermediazione non sempre è una buona idea, soprattutto in mercato tanto complesso come quello immobiliare, in cui muoversi privatamente comporta rischi rilevanti.

Housefy è la risposta per vendere casa risparmiando

Allora rivolgiti ad Housefy e vendi casa senza commissioni! Paga solo una quota fissa e ottieni i servizi e l’assistenza degli esperti attraverso la nostra piattaforma online. Puoi risparmiare fino a 15.000 euro in commissioni, senza rinunciare al supporto e alla professionalità degli agenti immobiliari.

Inoltre gestisci tutto il processo in piena trasparenza attraverso la piattaforma online di Housefy. La differenza con le altre agenzie? Le visite le fai tu! Noi pensiamo a tutto il resto: dall’annuncio, alle foto , alla visibilità sui portali, alle gestione delle offerte e dei documenti dell’immobile.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments