Consigli per arredare casa con stile industriale

È arrivato il momento di parlare un po’ di mode. Una delle tendenze più in voga nel mondo dell’interior design è lo stile industriale. Originario degli anni ’50, è partito da New York e a poco a poco ha raggiunto tutte le città del mondo.

La chiave di questo stile è che l’arredamento richiamino l’essenza dell’era industriale: pareti con mattoni a vista, mobili di metallo e acciaio, tetti alti, travi a vista, finestre enormi e molto altro.

Ecco qui di seguito qualche consiglio su come arredare la tua casa con lo stile industriale.

stile industriale

Legno, metallo e mattone: rappresentanti dello stile industriale

Se stai cercando un arredamento industriale, non puoi trascurare questi elementi. Basta sostituire i tavoli e le sedie tradizionali con altre dove il vetro, il legno e il metallo siano i protagonisti. In questo modo, i mobili avranno una personalità pura e industriale, dando armonia al resto della casa.

Il mattone è un altro elemento fondamentale per dare uno stile industrial alla tua casa. Per ottenere una parete con mattoni a vista ci sono diversi modi. Il primo, quello classico, è quello di eliminare l’intonaco dalle pareti o ricostruirla da capo. Fortunatamente però, ci sono metodi più facili e veloci. Esistono piastrelle in gres con la misura e il disegno di un mattone, create apposta per il rivestimento delle pareti. O ancora più semplice, ma forse un po’ meno naturale, puoi applicare una carta da parati con il disegno di una parete a mattone.

stile industriale

Spazi: tetti alti, travi e vetrate

Per far sì che la tua casa abbia veramente uno stile industriale, è indispensabile che appaia grande e spaziosa: soffitti alti con travi a vista, in legno o metallo, sono la chiave per dare quella giusta sensazione di ampiezza caratteristica di una vecchia fabbrica.

Anche in questo caso non preoccuparti se la tua casa disponga di questi elementi. Certo, sull’altezza del soffitto è più difficile lavorare, ma esistono in commercio anche travi da applicare dopo la costruzione della casa che garantiscono un effetto realistico.

Seguendo lo stesso concetto, per ottenere uno spazio più ampio, è d’obbligo che le finestre siano grandi. Disporre di ampie vetrate non solo aumenta la luminosità della casa, ma la rende anche più spaziosa ai nostri occhi. Evita le tende, tolgono tutta l’essenza tipica della fabbrica.

stile industriale

Arredamento: colori, minimalismo e mobili imperfetti

Anche l’uso dei colori ha un ruolo importante nella percezione degli spazi. I più comuni sono il bianco, il nero, il grigio, il marrone, il blu o il beige. La cosa più importante è combinare questi colori in modo da non far apparire la casa troppo scura o troppo chiara. Non temere di utilizzare diversi colori nella stessa stanza, l’importante è che siano abbinati e ben armonizzati tra loro.

Infatti, la perfezione non è propria dello stile industrial, basta il buon gusto! Per tanto, cerca di arredare la casa con uno stile minimalista, con diversi rivestimenti per le pareti e mobili leggermente usurati. L’effetto ossidato ricorda perfettamente l’era industriale.

Molti brand di arredamento producono mobili con questo stile, ma se vuoi ottenere uno stile più artigianale puoi scegliere di andare a qualche mercatino dell’usato nella tua città. C’è sempre qualcosa di interessante!

Segui i nostri consigli e sicuramente potrai trasformare la tua casa con uno stile industriale!

Imbiancare casa: scegli i migliori colori per imbiancare casa tua

Stanco dei soliti colori in casa? Stai pensando di imbiancare la tua casa, ma sei ancora indeciso su quali colori usare? Ti capiamo perfettamente, sappiamo che scegliere i colori per imbiancare gli interni di una casa può risultare più complicato di quanto sembri. Per questo motivo abbiamo creato la nostra “guida ai colori per imbiancare casa”, perfetta per dare la giusta ispirazione e scegliere le migliori sfumature.

Nel momento della scelta dei colori, è bene dare la giusta importanza al significato trasmesso da ciascun colore. Ognuno di questi, in base alle sue diverse gradazioni, è in grado di influenzare la nostra mente e il nostro corpo, alterando le nostre sensazioni e persino il nostro umore.

Colori accesi per imbiancare casa

Il verde

Il verde, nei suoi toni più caldi e leggeri come ad esempio il verde menta, è un colore molto rilassante. Stimola la tranquillità ed è per questo si consiglia di utilizzarlo maggiormente nelle camere da letto, in particolare quelle dei bambini. Connotazione di genere

Mentre il verde petrolio, nonostante sia un colore decisamente più scuro e cupo, è fra le tinte più in voga del momento. Data la sua intensità, si può applicare su una sola parete, accompagnandolo con un arredamento di tipo modern-classic, e materiali come vetro e metallo, rendendo la stanza sontuosa e affascinante.

Il blu e l’azzurro, colori per imbiancare e stare tranquilli

L’azzurro e il blu ci ricordano il cielo e il mare cristallino, trasmettendoci una sensazione di pace, calma e serenità. È per questo che vengono spesso usato nei bagni e nelle camere da letto, due luoghi in cui cerchiamo la massima serenità. Bisogna però far attenzione all’intensità del colore che usiamo. Le sfumature di azzurro e blu chiaro ci danno equilibrio e relax, ma una tonalità di blu scuro potrebbe provocare l’effetto contrario. Infatti, sconsigliamo di usare il blu marino nel salotto, perché potrebbe creare una sensazione di tristezza.

Il giallo e l’arancione

Si dice che il giallo come tinta di una stanza faccia piangere i neonati, non possiamo confermare se sia vero o no, ma possiamo sicuramente affermare che si tratti di un colore che stimola la mente. É per questo motivo che spesso viene usato nelle scuole, per mantenere più attive e attente le menti degli studenti. Può essere usato in uno studio, per aiutare a tenere un alto livello di concentrazione. L’arancione non solo stimola la mente, ma velocizza anche il metabolismo e aumenta quindi l’appetito, presentandosi come un colore adatto all’arredo di una cucina.

Il rosso

Il rosso aumenta il livello di energia in qualsiasi stanza e trasmette una forza incredibile nella vita di tutti i giorni, posizionandosi come il colore più intenso di tutta la gamma. Se imbianchiamo di rosso le pareti della nostra casa, potremo creare uno spazio speciale per animare le conversazioni tra famiglia e amici.

Se vi piace particolarmente uno di questi colori, ma avete paura di esagerare usandolo su tutta la stanza, potrete sempre scegliere di imbiancare solo una o due pareti ed abbinare il colore più vivo ad uno neutro, come il bianco.

Colori neutri per imbiancare casa

Bianco

Tendenza o moda passata? Ci sono molti dibattiti su questo colore. Certo è che il bianco dà molta luminosità alla stanza, creando una sensazione di ampiezza. Molti esperti di arredamento consigliano di utilizzarlo in una stanza piccola e con poca luce, perché il bianco la farà apparire ai nostri occhi più grande e luminosa. Se credete che però il bianco sia un colore troppo freddo, basterà abbinarlo a qualche mobile in legno, o ancora meglio ad un parquet.

Crema

Il crema è molto diffuso in quanto rimane un colore neutro ma comunque più caldo del bianco puro.
Viene spesso usato quando si vuole vendere casa, perché rende l’ambiente spazioso e pulito, ma più accogliente e caloroso, soprattutto se si tratta di una casa non arredata, senza renderla inospitale.

Grigio

Se il bianco ti sembra troppo minimal e pensi che il crema sia un colore già troppo visto, una buona alternativa è il grigio chiaro. Questa tonalità, come il bianco, crea una sensazione di ampiezza e luminosità in tutte le stanze. E se poi l’ambiente vi sembra un po’ spento, potete giocare con i colori dell’arredamento e rendere lo spazio vivo con diversi elementi decorativi. Dall’altro lato, il grigio scuro rende la casa più sofisticata ed elegante.

Scegli il tuo colore per imbiancare

Ora che ti abbiamo spiegato le caratteristiche di ogni colore, solo devi scegliere le tonalità che più si adattano alle tue necessità e a quelle di chi condividerà con te la casa, ai vostri stati d’animo e all’ambiente che vorrete creare.

Il nostro ultimo consiglio è quello di scegliere un colore che faccia sentire bene e a proprio agio, non solo con la propria casa ma anche con sé stessi.

I 10 fiori più belli della primavera per il tuo giardino

È in arrivo la primavera, portatrice di buon umore. Con lei arriva anche il bel tempo, le giornate iniziano a riscaldarsi e i campi si colorano di rosa con la fioritura dei peschi. E come loro, molte altre piante fioriscono. Allora perché non dare un po’ di colore e allegria alla tua casa? Ecco qui quali sono per noi i fiori più belli della primavera, da piantare in giardino o in balcone.

I primi fiori più belli in primavera

La primula

La primula è considerata il fiore primaverile per eccellenza. Il suo nome deriva dal latino e vuol dire proprio “fiore che nasce prima”. È la classica piantina che troviamo sui balconi e i davanzali di molte case perché facilissima da trovare in commercio e sempre molto colorata, ma nulla impedisce di piantarla in giardino e perché no, mantenerla come pianta perenne. Forse non lo sapevate, ma si può anche mangiare!

Il crocus

Un fiore che annuncia l’arrivo della bella stagione. Ha bisogno di un terreno ben drenato, ma non umido. Infatti questo tipo di fiore richiede scarse innaffiature anche in estate. I suoi colori sono carichi e vitaminici: lilla, viola, giallo e arancio, con un pistillo arancione.

La camelia

La camelia si caratterizza per la sua fioritura rigogliosa, in bianco, rosa o rosso. La sua forma assomiglia ad una rosa dalle corolle appiattite. Esistono moltissime varietà di questo fiore di origine orientale. Si può piantare indifferentemente in giardino o nei vasi, prediligendo la penombra. È un’ottima pianta per la decorazione del balcone perché è una sempreverde che, dopo la sfioritura, mantiene una buona consistenza nelle sue foglie.

Il rododendro

Il rododendro è un altro dei fiori per noi più belli della primavera. Si tratta di un’altra pianta dalle origini orientali, con dei fiori coloratissimi con una forma a campana. Si prestano maggiormente al giardino ed è bene piantarle in una zona luminosa ma senza la luce diretta.

Il narciso

Una delle sue qualità viene chiamata “fiore di maggio” e, naturalmente, la più comune in primavera. Deriva dalla parola greca narkissos che significa paralisi, perché si credeva che il suo profumo fosse ipnotizzante. In realtà, il suo profumo è davvero delicato e semplice come il suo colore, bianco con una corona gialla e arancione.

La violetta

La violetta, al contrario, è una pianta vivace con i suoi colori accesi, per questo la consideriamo una pianta primaverile. In realtà, la sua fioritura dura tutto l’anno, permettendole di adattarsi anche all’interno di un appartamento se posizionata in un luogo molto luminoso, possibilmente con luce artificiale. Dall’altro lato, la violetta è un fiore che va innaffiato spesso, senza però far ristagnare l’acqua.

Altri consigli su i fiori più belli della primavera

L’anemone

L’anemone si può trovare in molte sfumature di colori: dal rosso al rosa cupo, dal blu al viola e, naturalmente, in bianco. Fiorisce in maniera molto vistosa, e proprio per le sue tonalità non passa inosservato. Anche questo è un fiore adatto a chi non ha il pollice verde perché non richiede un terreno particolare e va innaffiato saltuariamente.

Il giglio

Il giglio è un fiore particolarmente fine ed elegante, specialmente nelle sfumature del bianco; ma si può trovare anche in rosa, giallo e viola. Il suo profumo è molto intenso e si dice che simboleggi la purezza e l’amore.

L’iris

L’iris è un altro dei fiori primaverili più tipici, e si può trovare in quasi 200 varietà. È fiore molto scenografico e colorato ma richiede attenzione nella sua coltivazione. Infatti, in base alla specie va trattato in maniera diversa ed è preferibile coltivarlo solamente all’esterno, in particolare in un giardino.

Il ranuncolo

Il ranuncolo è bellissimo fiore, peculiare e non molto comune con la sua forma a palla. È molto semplice da coltivare, essendo un fiore di campo, al quale basta un terreno morbido e una buona dose d’acqua giornaliera. Nonostante cresca facilmente anche nei vasi, consigliamo di piantarlo in un giardino perché garantirà un effetto davvero elegante ed imponente.

Come scegliere il fiore giusto tra i più belli della primavera

A volte non tutti i fiori si possono adattare bene al tuo giardino, per questo prima di scegliere ti consigliamo di tenere in considerazione i seguenti fattori:

  • Il grado di esposizione al sole del balcone o delle varie zone del giardino;
  • Il colore della pianta, che si può adattare o meno all’arredamento esterno;
  • E soprattutto, la quantità di irrigazione che necessità la pianta, che sia adattabile al tuo stile di vita: se fra settimana non sei mai a casa, è meglio optare per un fiore che abbia bisogno di poca acqua.

Speriamo di averti potuto dare la giusta ispirazione per la decorazione del tuo giardino o balcone con questi 10 fiori più belli della primavera. Non abbiamo dubbi che il risultato sarà spettacolare e, soprattutto, soddisfacente!

5 semplici passi per arredare uno spazio piccolo

Comprare una casa in città può risultare molto costoso e ci può obbligare a optare per un piccolo appartamento di pochi metri quadrati. Potrebbe risultare un sacrificio, ma fortunatamente i brand di arredamento si sono adattati a questa tendenza, studiando come arredare uno piccolo spazio e creando diversi mobili salvaspazio, che permettono di sfruttare al meglio ogni angolo della casa, senza far mancare niente.

Arredare uno spazio piccolo con openspace e porte scorrevoli

Partiamo dalle basi: i muri riducono lo spazio non solo fisicamente ma anche visualmente. Fatta eccezione dei muri portanti ovviamente, ci sono pareti che vengono utilizzate per delimitare le diverse zone della casa. Al posto di queste, si possono utilizzare dei divisori di spazi o, persino, vetrate, ad esempio per separare il soggiorno dalla cucina. E se vuoi dare una divisione netta tra zona giorno e zona notte, utilizza delle porte scorrevoli: pratiche e salvaspazio.

Mobili intelligenti

Come dicevamo, le grandi marche di arredamento hanno adattato i loro prodotti ad essere efficienti in pochi metri quadrati. Ad esempio, un tavolo sotto il quale si possono incastrare e nascondere le sedie, oppure creare degli scompartimenti al di sotto delle scale.

Letti

Il letto è forse una delle soluzioni più sfruttate per ottimizzare gli spazi. Dal letto sollevabile con scompartimenti o cassetti posizionati nella base della struttura, al famoso letto a scomparsa a muro. L’ultima innovazione è quella di Dielle Modus, che ha creato un letto-armadio. Si tratta di un letto sollevato dal suolo che all’interno contiene un vero e proprio nel quale si può entrare. Inoltre, ci sono due scalini per salire sul letto che hanno anche la funzione di cassettiera.

Specchi per arredare uno spazio piccolo

Certo, uno specchio non può ottimizzare uno spazio, ma lo raddoppia visualmente. Il miglior mezzo per far sì che la casa appaia più grande è la duplicazione visiva degli spazi, per questo è lo specchio è perfetto. Non importa il tipo, né la misura: la profondità del riflesso genera un’ampia sensazione di spazio.

Colori chiari, quasi bianchi

Per ultimo ti consigliamo un altro trucco semplicissimo per far apparire la casa più spaziosa. Siamo tutti d’accordo che vestire di nero snellisce, allora perché non “vestiamo” la nostra casa di bianco per renderla più grande? I colori chiari come il bianco, il crema o il beige, danno maggiore luminosità alla casa, non solo sulle pareti imbiancate ma anche sui mobili, rendendo ai nostri occhi gli spazi più ampi.

Se stai quindi pensando di trasferirti e il fatto che la casa sia piccola ti fa venire dubbi, non pensarci più. Ora sai come arredare questo tipo di spazio. Un’abitazione piccola può essere la soluzione corretta, potendo coprire le tue necessità. È importante sentirsi bene nella propria casa, ma ancora più importante è avere insieme a noi le cose che ci semplificano la vita.

Home Staging: come aggiungere valore alla tua casa in vendita

Quanti di voi sanno che cos’è l’Home Staging? Sicuramente molti non sanno bene a cosa ci riferiamo quando parliamo di questo concetto. Oggi parleremo di questa nuova tecnica che amerete, soprattutto per coloro che stanno cercando di vendere il vostro immobile e siete in attesa di concludere l’affare.

Di cosa si tratta?

L’Home Staging è una pratica diventata una moda molto in voga in Europa e che negli ultimi anni ha cercato di sfondare in Italia.

Si tratta di una tecnica che “mette in scena” la casa che verrà visitata. O meglio, l’obiettivo dell’Home Staging è che una casa sembri più attrattiva agli occhi del cliente.

Il meglio dell’Home Staging è che non richiede un grosso investimento di denaro. E’ dimostrato che una casa decorata in maniera gradevole, pulita e con un buon lavoro di fotografia permette di vendere la casa molto più facilmente rispetto ad un immobile che non attira l’attenzione. È per questo che sono sempre di più i proprietari che decidono di impiegare la tecnica dell’Home Staging.

Più precisamente questa nuova pratica cerca di depersonalizzare l’abitazione. Cioè?? Beh, al compratore solitamente non interessa la vita personale di chi vive in quella casa, ma piuttosto è interessato a come approfittare degli spazi della casa a modo suo. Al contrario, aggiungere quadri, piante o fotografie che non hanno niente a che fare con il proprietario rende la casa più attraente.

Appartamento di Housefy a Barcellona

Come si fa l’Home Staging?

Con molto poco si può fare tanto. Si, si. Come dicevamo, non è necessario un grosso investimento di denaro. Addirittura si possono utilizzare materiali di cartone perché le foto risultino piacevoli alla vista.

Senza dubbio, l’ideale è dedicarci un po’ di tempo e denaro. La cosa più importante di tutte è che si crei armonia tra le stanze. Non è complicato da mettere in pratica: da’ una veloce imbiancata, cambia alcuni mobili, utilizza piccoli elementi come quadri, fiori, candele… Tutto ciò che possa arredare la casa in maniera semplice, ordinata ed armoniosa, da far innamorare l’acquirente!

Appartamento di Housefy a Barcellona

Quali sono i vantaggi?

Molti sono i vantaggi dell’Home Staging. Ma, fra tutti, riteniamo che normalmente il potenziale acquirente faccia la sua decisione in maniera rapida, e la prima impressione della casa è ciò che influisce maggiormente nella sua scelta. Inoltre crediamo che l’Home Staging sia un’ottima alternativa per mostrare tutti quegli spazi ordinati e puliti della casa.

Infine, normalmente permette di aumentare il prezzo dell’immobile, o per lo meno, non lo fa diminuire. Un punto a favore per il venditore!

Pertanto, se stai pensando di vendere la tua casa, ma credi che l’apparenza della stessa non sia adeguata, non esitare a mettere in pratica questa tecnica! Pensa che l’immobile è un elemento che, come altri, deve essere bello da vedere. Quindi, più vistoso, in ordine e pulito è, più farà colpo sul futuro acquirente e prima farà il passo verso l’acquisto!

Sono piccoli e semplici passi possono migliorarti non solo la casa, ma anche la vita!

vendere casa online