Come una proptech definisce il miglior prezzo di una casa

prezzo di una casa

Oggigiorno il mercato immobiliare si schiera su due fronti: da una parte si trovano le agenzie tradizionali, che lavorano offline, e dall’altra troviamo le proptech: nuove agenzie digitali che stanno rivoluzionando il settore, offrendo la possibilità di definire il prezzo reale di una casa.

Innovazione

Quando parliamo di “nuove agenzie” non ci riferiamo agli ormai classici portali su cui vengono pubblicati gli annunci, ma a vere e proprie agenzie che lavorano online in cui il processo è seguito da intermediari professionali. Ma qual è il loro punto forte?

Molto semplicemente le agenzie digitali da un lato si occupano di ottimizzare, velocizzare e rendere più economico il processo di compravendita, e dall’altro raggiungono un alto livello di trasparenza, utilizzando le nuove tecnologie e sanificando il danno generato nel settore degli immobili durante gli ultimi decenni.

Il problema delle agenzie immobiliari tradizionali

Una delle maggiori problematiche del modello tradizionale è l’inflazione dei prezzi. Queste agenzie, lavorando con provvigioni, hanno interesse a vendere la casa ad un prezzo più alto rispetto a quello di mercato. Più la vendita è alta, maggiore sarà l’ingresso di denaro. Dato che fino ad ora tutte le agenzie hanno lavorato in questa maniera, i prezzi sono saliti alle stelle, soprattutto nei periodi di boom economico.

Ebbene, le agenzie immobiliari digitali hanno ideato una maniera per determinare il giusto valore di un immobile, attraverso l’uso dei Big Data. Un metodo che contribuisce a mantenere il mercato sano e stabile è quello del triplo controllo.

L’utilizzo dei Big Data per definire il prezzo di una casa

Nel primo controllo si utilizzano i Big Data, che indicano in un raggio di 500 metri da dove si trova l’immobile, quali solo le proprietà in vendita, a che prezzo e da quanti giorni lo sono. In funzione di quest’ultimo fattore, un algoritmo determina qual è il coefficiente di liquidità della zona.

Questi Big Data contengono: informazioni del catasto, formato dai dati di tutti gli immobili di Italia e le informazioni delle transazioni durante gli ultimi decenni, le informazioni di tutte le case in vendita in tutti i portali immobiliari e le informazioni di vendita interna.

Professionisti del settore

Durante il secondo controllo, tutte le informazioni ottenute dai Big Data vengono confrontate e analizzate da periti esperti del settore. Con i dati ottenuti, sommati all’esperienza dei nostri professionisti, la piattaforma mostra l’offerta iniziale di vendita della casa.

Infine, si realizza un terzo ed ultimo controllo. Una volta che l’immobile è in vendita, si usano le informazioni di tutti gli acquirenti di una zona e si quantifica il coefficiente d’interesse della casa. In funzione di questo dato – determinato da visualizzazioni, tasso di conversione, opinioni ricevute, ecc. – si determina la probabilità di vendita della casa che può andare dal 100% allo 0% in base alla qualità. Se questo valore è più basso del 50% significa che la casa non è al prezzo di mercato.

Un metodo vincente

Grazie a questa metodologia, le agenzie digitali non solo determinano il prezzo giusto per evitare l’inflazione del prezzo delle case in vendita, ma determinano anche il prezzo ideale perché l’immobile venga venduto in meno di 60 giorni, potendo così superare i registri delle agenzie immobiliari tradizionali.

vendere casa online

Leave a Reply

avatar
  Subscribe  
Notificami