Cos’è la rendita catastale di un’immobile?

rendita catastale

La rendita catastale è un valore fiscale attribuito ad un immobile, che serve a determinare il valore dell’immobile e l’importo delle imposte da versare all’atto di compravendita:

  • L’imposta ipotecaria
  • L’imposta di successione e per donazioni
  • L’imposta catastale

Se quindi sei in procinto di comprare o vendere casa ti starai chiedendo come si calcola la rendita catastale di un immobile e quali sono i parametri per determinarla.

Come si calcola la rendita catastale ?

Il calcolo del valore dell’immobile dalla rendita catastale dipende dalla sua classificazione. L’Agenzia delle Entrate classifica gli immobili in categorie catastali, che dipendono da:

  • Consistenza catastale: la dimensione, i vani e metri quadrati.
  • Tariffa d’estimo: valore che dipende dalla zona in cui è ubicato e dalla sua destinazione d’uso. Esprime il reddito del bene immobile al lordo di imposte e contributi.

La rendita catastale viene calcolata moltiplicando la consistenza catastale per la tariffa di estimo. Questo valore determinerà l’importo delle imposte sulla casa (IMU, TASI, ipotecaria, catastale, di successione) e servirà inoltre per compilare il modello ISEE.

Consistenza Catastale X Tariffa Estimo = Rendita catastale

Inoltre la rendita catastale è la base per ottenere il valore catastale su cui applicare le aliquota di imposta. Parleremo di come calcolare il valore catastale in un successivo articolo.

Per sapere qual’è la categoria catastale di un immobile basta consultare la visura catastale. Oggi è possibile farlo online nel sito delle Agenzie delle Entrate, creando il proprio account e accedendo ai servizi online. Per accedere basta il codice fiscale e per la ricerca si dovranno inserire gli estremi catastali dell’immobile (comune, sezione, particella, e foglio).

Leave a Reply

avatar
  Subscribe  
Notificami